Kombat festival 2004
Percorso: -Ultima modifica: Thursday, 3 February, 2005 13:30
MENU

Kombat Festival 2004
Cerca nel sito

Home Page
Il Kombat Festival

Lo staff
Dove
Il Programma
FAQ Kombat
..........................
Arti Marziali

Sport da Combattimento
....................
Fighters
Esibizioni
..........................

Download
Foto
Video
Link
Link dei visitatori
..........................

Rassegna Stampa
Sostenitori
Tickets
Prevendite

Contatti
..........................
 
 
Iscriviti alla Mailing list
Inserisci il tuo nome ed il tuo indirizzo email verrai aggiornato sulle novità del sito:
Name:
Email:  
Subscribe
    Unsubscribe
Video SP
radio Babboleo
oktagon

 

FULL CONTACT

Negli Stati Uniti negli anni Settanta le Arti Marziali erano al loro massimo splendore. Bruce Lee era ancora vivo e i film sulle arti marziali spianavano il terreno per la diffusione delle Arti Marziali. Mentre i cinesi però si mostravano reticenti ad insegnarle, i coreani, giunti in gran numero in America dopo la guerra tra la Corea del Sud e quella del Nord, avevano cominciato ad aprire numerosi centri di diffusione delle loro discipline.
La maggior parte dei praticanti e degli appassionati non apprezzava molto il sistema di giudizio delle discipline marziali che prevedeva il controllo dei colpi e che, a detta di molti, era troppo complicato per favorire lo spettacolo. Dall'esigenza dunque di rendere ancora più spettacolare le manifestazioni di Arti Marziali, nacque un nuovo metodo di combattimento che prevedeva l'uso di speciali protezioni, inventate dal Maestro coreano Jhoon Rhee (colui che ebbe il merito di diffondere enormemente il Taekwondo negli States). Tale sistema permetteva di portare a segno i colpi, ma prevedeva lo stop subito dopo il contatto: tale stile venne chiamato "Point Karate" in America e "Semi-Contact" in Europa. Ma nonostante questa modifica gli americani non si dimostrarono ancora soddisfatti.
Fu, infatti, proprio uno di loro ad intuire che l'assenza di contatto pieno come nel Pugilato, e l'azione interrotta dopo ogni colpo giunto a segno, erano le cause che impedivano alle manifestazioni di Arti Marziali di avere il successo che spettava loro. L'idea venne al già campione di Karate tradizionale e Point Karate Joe Lewis, che creò il "Full-Contact Karate" o "Professional Karate" che permetteva agli atleti di colpirsi con il pieno contatto dalla cintura in su, il tutto con delle "borse" in palio.
Il primo torneo fu organizzato nel 1974 ad opera dell'americano Mike Anderson, del Maestro Jhoon Rhee e del tedesco Georg Brukner.
Nonostante il dilagante successo che incontrò in tutto il mondo occidentale, ebbe non poche difficoltà nella sua diffusione. Infatti, i "tradizionalisti del Karate" non accettavano di buon grado l'abbinamento delle parole Karate e Full-Contact. In Francia si arrivò addirittura a vietarne la pratica perché ritenuta troppo violenta, e si giunse perfino a proibire di usare il nome Karate abbinato al Full-Contact a favore di "Boxe Americaine" che tuttora viene utilizzata per indicare appunto la specialità più semplicemente conosciuta come "Full-Contact". Anche nel resto d'Europa ci furono degli impedimenti portati da quasi tutte le federazioni di Karate tradizionale riconosciute dai rispettivi Ministeri.
Anche se leggermente in declino a causa della forte ascesa di altri sport da combattimento, rimane sempre una delle discipline da combattimento più spettacolari e più praticate al mondo.
Attualmente esistono oltre al Full-Contact, che prevede il contatto pieno, esistono altre versioni meno impegnative di questa disciplina che ammettono un regolamento molto simile, tali discipline sono il Semi-Contact e il Light-Contact. Entrambe le discipline consentono i colpi di pugno e di calcio, che però devono arrivare dalla cintura in su, sono ammesse spazzate ma solo piede contro piede.
Il Semi-Contact assomiglia molto al primo Karate-Contact, infatti, i colpi possono arrivare al bersaglio, ma subito dopo deve essere fermata l'azione.
Il Light-Contact invece assomiglia di più al Full-Contact dal punto di stilistico, ma non prevede il contatto pieno e quindi neanche il K.O., però l'azione viene lasciata continuare anche dopo che i colpi sono arrivati a segno.

grazie a sportdacombattimento.com per questo articolo

controlla anche le arti marziali

- KOMBATFESTIVAL®- Realizzazione Bruno Cavanna