Home|Blog NEWS| Scrivici | | Marco Costaguta | Video | Cisconline| Megathai | Download| -
Kombat festival 2004
  Ultima modifica: Friday, 30 July, 2004 12:43  
   
   Cerca nel sito  di Kombat festival  powered by FreeFind
  Site search Web search
Percorso:
MENU

Home Page
Il Kombat Festival

Lo staff
Dove
Il Programma
KF 2003
FAQ Kombat
..........................

Arti Marziali
Sport da Combattimento

......................
Fighters
Esibizioni

..........................

Download
Foto
Video
Link
Link dei visitatori

..........................

Rassegna Stampa
Sostenitori
Tickets
Prevendite

Contatti

..........................

 
 

clicca per visualizzare il manifesto

Iscriviti alla Mailing list
Inserisci il tuo nome ed il tuo indirizzo email verrai aggiornato sulle novità del sito:
Name:
Email:  
Subscribe
    Unsubscribe

cosafare.com

Primocanale

 
 
City Angels
radio Babboleo
oktagon
 
 

 
 

  REAL FIGHTING ASSOCIATION di Filippo Leone JEET KUNE DO KALI FILIPPINO SUBMISSION GRAPPLING FREEFIGHT/VALE TUDO

  

La Real Fighting Association® vi attende numerosi al suo stand. Il programma prevede esibizioni, dimostrazioni e lezioni a cui potrete partecipare direttamente.

Infoline          +39 339 2039925

sito ufficiale    www.realfighting.it

e-mail             info@realfighting.it

Jeet Kune DoIl risultato degli studi e della pratica di Bruce Lee è il Jeet Kune Do, termine che tradotto significa "la via del colpo che intercetta": uno dei principi di base è, infatti, "intercettare" i movimenti o gli attacchi del tuo avversario e colpirlo prima che lo faccia lui.
Il Jeet Kune Do è un'arte marziale non agonistica, praticata per le sue qualità e il suo realismo in situazioni reali di scontro, fonde vari stili di combattimento secondo precisi concetti tecnici ponendo l'enfasi su tecniche realmente applicabili e su situazioni riscontrabili nella difesa personale reale. 

Il Jeet Kune Do può sembrare un insieme slegato di diverse arti all'inesperto, assomiglia a vari metodi ma nello stesso tempo ne è completamente diverso nell'approccio al combattimento e al metodo di allenamento.

Ogni situazione reale è imprevedibile e richiede una certa elasticità e capacità di adattamento che solo un allenamento specifico e concreto può dare; in alcuni metodi si imbriglia il praticante con contorte sequenze o lo si confonde adottando troppe distanze di combattimento: uno dei concetti base del Jeet Kune Do di Bruce Lee è la "ricerca della semplicità" e la capacità di evolvere l'arte semplificandola! 

Nella Real Fighting Association® lo studio del Jeet Kune Do si basa, di conseguenza, su alcuni concetti fondamentali:

Sifu Leone con il suo Maestro Burton RichardsonObiettivi: fornire ai praticanti nel minor tempo possibile un'abilità reale e concreta nel combattimento fin dai programmi di base (6-8 mesi di pratica) senza dover attendere anni e  anni di allenamento;

Distanze: tre distanze di combattimento a mani nude: JKD Kickboxing (lunga e media distanza), Clinch (clinch range e trapping range - corta distanza) e Grappling (combattimento a terra). L'atleta si allena a gestire le diverse distanze e deve essere in grado di saper passare da una all'altra esaminando il combattimento contro uno o più avversari;

Armi: combattimento con coltello e con bastone corto e la difesa a mani nude da tali armi esaminando solo tecniche e argomenti attinenti al combattimento reale da strada, aree tradizionali quali "spada y daga" o "doppio bastone" non vengono trattate nel Jeet Kune Do ma nei programmi di Kali;

Resistenza/Aggressività: allenarsi sempre con un avversario che oppone resistenza, che contrasta con aggressività e che non coopera, che agisce senza schemi o "forme" prevedibili: questo è il tipo di aggressore che bisogna abituarsi a fronteggiare, questa è la realtà!

Metodo scientifico: è la base teorica del metodo della Real Fighting Association®. Un lavoro metodico su tutte le distanze con l'idea di testare e provare le varie tecniche tramite il combattimento e l'allenamento reale, solo così si è consapevoli e coscienti della propria efficacia e di quella del sistema;

Scenario Training: programma specifico di simulazione di aggressioni in diverse situazioni e ambienti per "abituare" il praticante ad azioni e reazioni immediate e specifiche. Si affrontano anche elementi di psicologia comportamentale nonché aspetti legali e giuridici legati alla difesa personale.

Jeet Kune Do

Vediamo altre caratteristiche del nostro sistema di insegnamento del Jeet Kune Do:

- a differenza di altre scuole, trattiamo marginalmente il "trapping" così come inteso tradizionalmente in quanto difficilmente applicabile contro un avversario realmente aggressivo. Il "trapping" viene in parte utilizzato con delle opportune modifiche tecniche e si pone grande attenzione allo studio del clinch unendo il lavoro della Thai Boxe con quello del Pugilato e del Greco Roman Wrestling. Una buona abilità nel clinch permette di gestire il corpo a corpo e di evitare di finire a terra;

- nello studio del "Grappling", la lotta a terra, si parte innanzitutto dalle tecniche per evitare di finire a terra per poi passare alla situazione di scontro da terra contro un avversario in piedi, quindi si prosegue con lo studio del lavoro al suolo in "ottica non sportiva": le molteplici tecniche di sottomissione tramite leve o strangolamenti vengono affrontate nello specifico nei programmi di Submission Grappling, nel Jeet Kune Do se ne esaminano alcune di base ma si pone maggiore enfasi sugli attacchi con colpi e sulla difesa da essi d'altronde per strada, se si finisce a terra, non si ha il tempo di lottare studiando l'avversario e cercando di applicare una sottomissione poiché gli aggressori potrebbero essere più di uno!

- il combattimento con armi viene affrontato in un'ottica reale: i disarmi contorti e le tecniche spettacolari e complesse risultano inefficaci contro un attacco a piena potenza e velocità portato con un bastone o un coltello.
Come si giunge a tale drammatica deduzione? Semplice, praticando il combattimento con le armi con protezioni limitate e non cooperando con il proprio avversario…
Si parte quindi dall'uso delle armi per conoscerne l'uso e si passa poi alla situazione della difesa da esse a mani nude. Si esamina anche l'utilizzo di oggetti occasionali come armi;

- il lavoro tecnico parte dallo studio delle tecniche a vuoto per poi passare al lavoro ai colpitori su tutte le distanze e al combattimento praticato sulle diverse distanze per poi fondere i vari elementi del sistema, analizzando e simulando diverse situazioni di aggressione.

Nei corsi di Jeet Kune Do della Real Fighting Association® tutti gli atleti, fin dall'inizio praticano tecniche reali da applicare contro un aggressore, si esaminano principi e azioni applicabili da uomini e donne: non si fa distinzione tra agonisti e amatori, non si pratica un sistema adatto solo a muscolosi atleti o a praticanti esperti, ma si insegna un metodo applicabile da chiunque!

Ricordatevi che la strada è totalmente diversa dalla palestra o da un ring….

 

 

 

l
- © KOMBATFESTIVAL- Realizzazione Bruno Cavanna